Percorso Un Inverno Disconnessi

cartina e bussola
27 Gennaio 2021
Wild Trek
Categorie
Tags

C’è chi nasce nel mondo digitale e chi invece è (felicemente) nato un po’ prima, in quella che per molti oggi è Preistoria ma che per noi è semplicemente il Vecchio Mondo Analogico. Un mondo che ormai sembra portare con sè solo la nostalgia, di quell’impagabile profumo di carta sgualcina tipico delle cartine troppo usate, delle tecniche per aguzzare l’ingegno nel ricordarsi un percorso, ma soprattutto dell’entusiamo con cui si preparava un percorso o del tempo che si dedicava lungo il cammino per “aggiustare la rotta”. Insomma, la nostalgia di saper fare, senza dipendere dalla tecnologia, e di saper imparare dalle proprie esperienze e dai propri errori.

La nostra Guida Escursionistica Ambientale (Giorgia) ha voluto unire nostalgia ed esperienza in un percorso pensato per conoscere la natura e farne buon uso. Una serie di appuntamenti per mettere da parte un piccolo bagaglio di conoscenze e sviluppare percezione, osservazione e deduzione in natura. Nozioni e attività per indurre sensi e mente a lavorare (di nuovo) insieme, con l’obiettivo di fornire sia spunti di riflessione che strumenti utili a tutte le persone che vogliono avvicinarsi all’escursionismo in modo più consapevole e sicuro.

Corso teorico-pratico di orientamento naturale

Nel 2020 non è stato possibile farlo, ma abbiamo ancora la speranza che quest’anno (magari posticipando semplicemente le date) sarà possibile condividere con voi questo percorso, per darvi modo di sperimentare nell’estate tutto ciò che avete messo da parte.

Un ciclo di 3 appuntamenti teorico-pratici dedicati agli argomenti principali dell’escursionismo base:

1° lezione: la cassetta degli attrezzi invisibili

2° lezione: orientamento naturale e cartografia

3° lezione: siamo tutti fuori! Prove pratiche di escursionismo analogico

capanne del marcarolo

Perchè Disconnessi?

Perchè per noi Wild non significa “selvaggio” in senso stretto, associato spesso al concetto di “privo di tutto” dai comfort alla presenza umana, quasi al limite della sopravvivenza.

Per noi wild vuol dire connettersi con la natura. Non è solo fare le cose nella natura, ma imparare a stare in natura, con consapevolezza e presenza; la natura non è un bene da consumare ma un dono da vivere e preservare.

Perchè smetteremo di usare App e cellulari, utilizzeremo una vecchia macchina a rullino per immortalare le nostre avventure, ma soprattutto cercheremo di ri-approprierci della capacità di guardare il mondo con occhi diversi (che tutti abbiamo, ma che abbiamo dimenticato). Ci disconnetteremo dal mondo del “fare le cose in natura” per connetterci a quello dello “stare in natura”, riscoprendo ritmi, tempi, spazi, consapevolezza e abilità che molti di voi non sanno nemmeno di avere.

Disconnettersi dalla frenesia tecnologica in cui viviamo fa parte del nostro concetto di Wild: non significa “selvaggio” in senso stretto, associato spesso al concetto di “privo di tutto” dai comfort alla presenza umana, quasi al limite della sopravvivenza, ma vuol dire connettersi con la natura.

gruppo a ceregate

Per saperne di più, scrivici a info@wildtrek.it o seguici sui social: Facebook o Instagram.

Se invece vuoi sapere quando si parte, vai al calendario!

Giorgia – Wild Trek Team

Foto: © Wild Trek – Avventure in cammino

Articolo precedenteBorghi fantasma d’OltrepoArticolo successivoGennaio innevatore

Articoli correlati

Marzo amoroso
27 Gennaio 2021
Wild Trek
Categorie
Tags
Logo AIGAE
--Privacy Policy
© 2021 Wild Trek - Tutti i diritti riservati